Uno degli accessori moda sicuramente più richiesto negli ultimi anni sono le extension. Il motivo? Quello di donare maggior corpo o lunghezza ai propri capelli naturali, magari al fine di realizzare delle elaborate acconciature o semplicemente per avere dei capelli sciolti voluminosi e molto alla moda. Vista la popolarità delle extension per capelli, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda tipologia di fibra e modalità di applicazione. Come scegliere quindi?

Tipologie di extension per capelli

Pariamo dalle extension a clip. Si tratta di un accessorio dalla semplice applicazione e dal costo ridotto. Semplicemente si dividono i capelli in ciocche e si attaccano le extension a clip alla base delle ciocche stesse. Sciogliendo le ciocche naturali, il risultato sarà una chioma folta e più lunga.

Ci sono poi le extension per capelli biadesive che altro non sono che delle ciocche alle quali viene applicata una banda adesiva resistente all’acqua e sulla quale di adagiano i capelli naturali, creando una sorta di prolungamento.

Passiamo poi alle extension per capelli alla cheratina. Questa è la tipologia più utilizzata: si tratta di ciocche di capelli fissati tramite la cheratina, un composto che si scioglie e fissa la nuova ciocca ai capelli. Attenzione: questo è un tipo di trattamento che è bene venga eseguito da un professionista.

Le extension a tessitura invece sono strisce di capelli artificiali che vengono cucite (si, con un ago) direttamente ai capelli naturali.

Una volta visto questo breve elenco non resta che scegliere la tipologia di extension per capelli che ci piace di più e poi provare, per avere la chioma che abbiamo sempre desiderato.